Matteo 22,1 “Parabola delle nozze del figlio del re”


Grazie Luce Padre, il Tuo Cuore d’Amore ha generato un Cuore Nuovo per tutte le creature del Regno Minerale, Vegetale e Animale.
Siamo invitati - Grazie al Cuore Nuovo - a percorrere la Via di Gesù Salvatore, che ci porta nel Cuore del Padre Generatore, affinché possiamo raggiungere quel posto di Perfezione che Gesù ha preparato per noi, e quindi essere un tutt’Uno Amore, con Lui.

Chiediamo Perdono al Padre - in nome di Gesù - per le parti dentro di noi che ancora non sono libere di seguire la Luce del Cuore Nuovo, perché si sono addormentate, legate alla materialità.
Tu Gesù ci hai perdonati dalla croce, e chiediamo che le Tue Parole siano sempre Operanti nel nostro Cuore, perché i nostri pensieri, le nostre parole e le nostre azioni possano essere sempre Benedette dall’Acqua del Perdono, che è la parte Generata del nostro creato, entrata in noi per preparare la Via all’Unità.
Quando Gesù ha detto: Padre tutti Io li porto a Te… In quelle parole ci ha già portati tutti nel Suo Cuore - nella VITA IMMORTALE - perciò ora noi dobbiamo solo attendere che possano seguirci i nostri figli, ed i figli dei nostri figli, per divenire un tutt’Uno e ricevere la Vita Immortale, poichè ora essi conoscono solo la vita mortale.

Nella parabola delle nozze del figlio del re, il re invita alle nozze tutte le creature, senza distinzione, senza considerare il ceto sociale o il vestito, si sofferma però su ciò che è davvero importante: il VESTITO SPIRITUALE, che è la NOSTRA MENTE.
E’ necessario avere una mente che sia SEMPRE A DISPOSIZIONE DELLA CHIAMATA DEL RE, una mente che sia UMILE, SEMPLICE e che sappia DIALOGARE CON IL CUORE.
Dobbiamo quindi predisporci ad avere il vestito spirituale adatto, che sappia trasmettere Calore, se invece la nostra mente si ghiaccia, allora si ferma e così blocca tutto l’insieme.
Infatti la maggioranza delle creature si è ghiacciata dinnanzi al Calore, alla Luce e all’Amore del Padre.

L’Acqua è in contatto con l’Infinito e possiede moltissime Virtù che noi non conosciamo, perché siamo limitati e utilizziamo solo una piccolissima parte della Potenza che essa può offrirci.
Noi non cerchiamo né l’Acqua né la Luce! Ecco perché il re invita tutti alle nozze, perché vuole trasmettere ad ogni creatura di COLLABORARE IN GESU’, siano esse del Regno Minerale, Vegetale e Animale, del passato, del presente o del futuro, perché Gesù è Onnipresente. Il re quindi invita tutti al banchetto della Verità, ma solo coloro che hanno la mente predisposta a ricevere la Luce possono essere ammessi alla Scuola della Salvezza.
Gesù è il Re dei Re, ed annuncia: tutto quello che è del Padre è mio, e tutto quello che è mio Io lo dono a voi. Se noi accettiamo Gesù, Re dei Re, diveniamo figli di Gesù ed eredi di tutto quello che ci ha donato, ma se continuiamo a seguire la nostra mente, restiamo nel ghiaccio.

Gesù invita ogni creatura a non seguire varie correnti, o spostarsi da un luogo all’altro, bensì a meditare in se stessa, a confidare e a concentrarsi sulla propria Anima, fino a quando verrà Illuminata e fortificata, così da poter conoscere e ricevere l’Energia del Padre Generatore. Tale Energia infatti è ONNIPRESENTE ed entra nella creatura se essa ha la veste delle nozze.
Colui che invece non è predisposto, viene allontanato dal banchetto. In questa parabola solo una creatura viene cacciata perché non ha il vestito adatto - anche se erano molte a non averlo - ma questo accade perché Gesù quando parla fa riferimento ad una persona - più pronta ad accettare l’insegnamento - ma ciò che dice è valido per TUTTI, poichè in quell’uno sono presenti tutti!

Gesù ci ricorda che su questo piano nessuno possiede la Pace. La Pace che noi abbiamo appartiene a Gesù, Egli infatti ci ha detto: vi lascio in dono la mia Pace, ma non potete trasformarla in energia negativa, poichè prima che voi la usiate in modo sbagliato, Io la ritiro.
Ci troviamo in guerra, ed è necessario aumentare la nostra Fede, e sforzarci di mantenere Viva la Pace in noi.
Gesù con il Santo Silenzio presentava di continuo tutto al Padre, e con il Pensiero guidato dal Cuore ripeteva: Padre, Io sono qui non come guerriero per conquistare questo regno, sono qui come Salvatore, per donare la possibilità a TUTTI di rientrare in Me, affinché poi li possa portare in Te.

Grazie Gesù

Italiano English Français Português Español Deutsch Nederlands Română Srpska