I due Discepoli di Emmaus

I due Discepoli di Emmaus

I due Discepoli di Emmaus

Il Salvatore dice: “Dove due o tre sono uniti nel Mio Nome, Io Sono”.

Lo Spirito di Luce invita tutti gli Spiriti, dell’Infinita Creazione, a cercare la Verità nell’ascolto, nel silenzio, nel dialogo, nel confronto e nel rispetto reciproco.

Quando due esseri camminano insieme, meditando e parlando di Gesù, in Unità di Spirito, Gesù Verità si presenta e si fa sentire con il Fuoco d’Amore nel cuore. E’ nel camminare che si cresce, è nel cercare che si trova, è nel conoscere che si ama nella Libertà.

Grazie Spirito di Luce e d’Amore, oggi i due discepoli di Emmaus sono ritornati all’inizio del Terzo Millennio e stanno camminando e dialogando con Gesù, nella Sua Seconda Venuta, in Spirito e Verità.

I due discepoli di Emmaus che camminano insieme per la via verso Emmaus, parlano del Salvatore Gesù che, a Gerusalemme, è stato tradito, preso, flagellato, condannato a morte e crocefisso dai principi dei sacerdoti e dai magistrati.

Essi raccontano come alcune donne che si erano recate al sepolcro, non hanno trovato il Corpo di Gesù e sono state testimoni di una visione di Angeli, annuncianti che Gesù è risorto da morte. Mentre stanno parlando di questi avvenimenti, Gesù stesso si accosta, si mette a camminare con loro ma i due discepoli non lo riconoscono. Gesù dice loro: “O stolti e tardi di cuore a credere a tutte le cose che i profeti hanno detto! Non doveva forse il Cristo patire tali cose e così entrare nella Sua Gloria!

Giunti a Emmaus, i due discepoli dicono a Gesù: “Resta con noi che si fa sera e il giorno già declina”. Gesù si ferma con loro e, quando sono a tavola, il Salvatore prende il pane, lo benedice, lo spezza e lo offre ai due discepoli.

In quell’istante si aprono gli occhi dei due discepoli e riconoscono che il loro Ospite è Gesù, il Quale sparisce ai loro sguardi. Allora essi si chiedono l’un l’altro: “Non ci ardeva il cuore in petto, mentre per strada ci parlava e ci spiegava le scritture!” Subito i discepoli si levano e tornano a Gerusalemme, dove sono adunati gli Undici e gli altri che sono insieme e annunciano loro che Gesù è veramente risorto da morte e come lo hanno riconosciuto nello “spezzare il pane”.

Il cuore si interroga: “Chi rappresentano i due di Emmaus e che cosa rappresenta il villaggio di Emmaus?”.